Storia della Cooperativa - Camminiamo Insieme Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia della Cooperativa

La Cooperativa Sociale CAMMINIAMO INSIEME è stata costituita il 28 dicembre 1993 con atto pubblico del notaio dott. Lucio Lombardi, a supporto e completamento della Cooperativa Sociale SOLIDARIETÀ di Vigasio costituita dieci anni prima.

È una Cooperativa di tipo "B" così come individuato dalla legge 381/91 e ha come obiettivo l’inserimento nel mondo del lavoro di persone cosiddette "svantaggiate".

Attualmente ci sono 21 soci e sono occupati in Cooperativa 5 dipendenti dei quali 2 considerati come persone "svantaggiate", più 2 in percorso SIL/SIT in collaborazione con l’ASL (è una modalità di occupare persone con problemi fisici che altrimenti non troverebbero soluzione alternativa).

Con l’aiuto di soci volontari e imprenditori generosi si è sviluppata una catena di solidarietà che ha prodotto lavoro per lo scopo sociale e anche per lavoratori normodotati.


Le nostre ATTIVITÀ

La Cooperativa Camminiamo Insieme svolge, nel laboratorio di via Rizzotti, lavori vari di assemblaggio per alcune ditte operanti nei settori di forniture alberghiere, farmaceutico, abbigliamento sportivo, meccanico, cartografico.

All’esterno della sede i soci e dipendenti della Cooperativa eseguono lavori di pulizia presso il Municipio di Vigasio e in alcune ditte, con la possibilità di ampliare questo tipo di attività.

La cooperativa offre anche servizi di sfalcio erba e manutenzione giardini, sia pubblici sia privati. Per questo tipo di servizio ci siamo dotati dell’attrezzatura necessaria e oltre a utilizzare il nostro personale, negli ultimi tre anni abbiamo assunto, con contratto a tempo determinato e per il periodo estivo, delle persone segnalateci dai servizi sociali, che a causa della crisi del settore industriale hanno perso tutti gli ammortizzatori sociali (cassa integrazione, mobilità, ecc.). Il Comune di Vigasio e altri comuni limitrofi (Nogarole Rocca, Sorgà), per agevolare queste persone, ci hanno dato negli anni scorsi alcune aree di verde pubblico da curare.


Le attuali PROSPETTIVE

Con il passare del tempo, il venir meno di alcuni soci fondatori, l’avanzata della crisi economica che ha ridotto l’occupazione e la restrizione della solidarietà, hanno portato anche la Cooperativa in un’attuale difficile condizione economica e occupazionale.

La contrazione del lavoro degli ultimi mesi ha fatto riflettere alcuni soci sull’effettivo prosieguo delle attività arrivando a pensare, a malincuore, di terminare questa lunga e ottima esperienza.

Riteniamo che sarebbe una sconfitta di tutto il territorio di Vigasio e non solo nostra.

Siamo un’"azienda" che pur muovendoci in un ambito di lavoro che deve avere come obiettivo almeno il pareggio tra i costi e i ricavi, ci preoccupiamo di dare delle opportunità alle persone che la vita ha segnato negativamente e che, nonostante quello che hanno dovuto affrontare, hanno voglia e diritto di esprimersi nel mondo lavorativo ricordandoci che "il lavoro nobilita l’uomo".


Il nuovo PROGETTO

Con l’aiuto dell’associazione Progetto EMERA Onlus e di alcuni volontari, i soci della Cooperativa hanno individuato l’opportunità di un percorso per il rilancio e la continuità delle attività fondanti d’integrazione sociale. La nuova idea consiste nell’impiegare l’opera dei soci, dei lavoratori svantaggiati e dei volontari nel recuperare prodotti nuovi o usati in buono stato e rivenderli sul mercato a un prezzo accessibile a tutti quelli che vogliono comprarli, con una particolare attenzione ai più bisognosi, essendo la Cooperativa senza scopo di lucro. Ovviamente l’attività dovrà essere in grado, dopo un primo aiuto iniziale, di auto sostenersi economicamente.

Prima FASE

Nella prima fase l’attività comincerà trattando prodotti del settore del mobile, nuovi o usati in buono stato, elettrodomestici, lampadari, oggettistica per la casa, riscaldamento e condizionamento domestico.

Seconda FASE

Nella seconda fase l’attività della Cooperativa potrà svilupparsi anche nel settore dell’abbigliamento, dei giocattoli, della mobilità e altri settori merceologici.

Chi c’è dietro il nuovo PROGETTO

La Cooperativa si avvarrà del lavoro dei soci, dei lavoratori svantaggiati e normodotati, ma anche di volontari che, con il loro aiuto, creeranno le condizioni per la prosperità della Cooperativa.

Che cosa serve per il nuovo PROGETTO

Questo nuovo progetto ha bisogno di un sito, di una struttura sufficientemente spaziosa (circa600/1000 mq) che possa ospitare un ufficio per la gestione e il coordinamento di tutte le attività e del personale, un magazzino-laboratorio dove i prodotti saranno selezionati, sistemati e resi idonei alla vendita, una mostra, anche se modesta, dove si possano esporre o prodotti finiti.
Molto utili per la logistica saranno: uno spazio sufficientemente ampio per effettuare il carico e lo scarico, e uno spazio per collocare i contenitori per lo smaltimento dei prodotti di scarto dopo la selezione.
E' stato individuato un capannone a Vigasio in Via del Lavoro 16.


Collaborazioni per il nuovo PROGETTO Avvalendosi di un’organizzazione commerciale che opera nel settore dei mobili ed elettrodomestici, la Cooperativa intende privilegiare nella sua attività la FASE 1.

In primo luogo il lavoro consisterà nell’individuazione di operatori del mobile disponibili a cedere mobili ed elettrodomestici obsoleti ma nuovi e funzionanti, l’individuazione di fabbriche di mobili moderni e in stile disponibili a cedere semilavorati o materie prime adatti alla fabbricazione o ristrutturazione di elementi per la casa e l’ufficio.

La cessione dei prodotti potrà avvenire sotto forma di donazione o a un prezzo simbolico.


Dinamiche del nuovo PROGETTO

La Cooperativa provvederà, attraverso il proprio personale al carico e allo scarico della merce. Non avendo la Cooperativa un mezzo di trasporto proprio, nei primi tempi quest’attività sarà terziarizzata rivolgendosi al mercato dei trasporti, fiduciosa di incontrare operatori generosi che possano prestare gratuitamente o a basso prezzo l’automezzo necessario.

Le operazioni di selezione, ripristino e assemblaggio dei prodotti, in parte semplici ma anche specifiche, necessiteranno di personale già pratico del settore. In tal senso si cercherà di coinvolgere volontari specializzati che possano insegnare ai lavoratori svantaggiati e non della Cooperativa, il lavoro da eseguire nella sistemazione/assemblaggio dei mobili e degli elettrodomestici. Si dovrà individuare una falegnameria, o comunque una struttura, che metta a disposizione alcune macchine operatrici, anche semplici, per i lavori che non si possono effettuare all’interno della Cooperativa.
I prodotti adatti alla vendita saranno esposti in modo semplice ma efficace per essere venduti al pubblico in determinati giorni della settimana a orari prestabiliti avvalendosi di volontari e lavoratori che venderanno i prodotti secondo una logica di prezzo solidale. Si darà particolare attenzione alle persone e famiglie meno abbienti, non escludendo anche la cessione gratuita, dopo l’avallo dei soci, nel caso in cui le necessità contingenti lo richiedano.

La Cooperativa ha l’intento, sempre nel settore dei mobili, elettrodomestici, arredo casa e giardino in genere, di commercializzare anche oggetti usati ma in buono stato recuperabili su segnalazione dei cittadini di Vigasio e dei paesi limitrofi. Dopo tale segnalazione un socio o un lavoratore della Cooperativa effettuerà un sopralluogo per valutare il prodotto da ritirare e se darà parer positivo sarà prelevato da un incaricato sempre della Cooperativa. I donatori potranno recapitare anche direttamente al sito della Cooperativa gli oggetti dismessi nei giorni e negli orari prestabiliti. Onde evitare l’effetto "discarica" la Cooperativa non accetterà presso la sede quei prodotti che non siano stati preventivamente visionati.


Il territorio e il nuovo PROGETTO

La Cooperativa avrà bisogno dell’aiuto e del sostegno di tutti, in particolare dell’Amministrazione comunale per le autorizzazioni necessarie, di volontari specializzati e non, di un sostegno economico e morale di tutti gli imprenditori locali e non, di tutte le associazioni di Vigasio e in particolare della solidarietà di tutti i cittadini.

Ci sarà un grande impegno personale dei soci ma anche un dovere morale di tutte le persone del territorio che considerano questo progetto una risorsa sociale.

La nuova attività che intraprenderemo avrà bisogno di un finanziamento economico che aiuti nei primi tempi a pagare le spese di affitto della struttura, l’allestimento dell’ufficio, dell’area vendita e il compenso dei lavoratori della Cooperativa impegnati. Faremo leva sulla disponibilità e sulla generosità delle istituzioni, aziende e cittadini ai quali il tutto sarà rendicontato e reso pubblico.

Per concludere, la Cooperativa s’impegna in una nuova sfida per nulla semplice, complicata sotto tutti i profili, ma siamo fiduciosi che la nostra ventennale esperienza non potrà essere fermata da una crisi economica e sociale che sta eliminando i cosiddetti "anelli deboli" e preferiamo pensarci come un anello speciale della catena socio-economica legata al territorio di Vigasio.

Torna ai contenuti | Torna al menu